ECS:Sistema Endo-Cannabinoide

Ecs:La ricerca di un sistema endocannabinoide sano. Enfasi sull’immunoregolazione

ECS

L’ECS è un sistema disperso, che si estende in tutto il corpo; è in costante interazione con tutti gli altri sistemi di organi promuovendo l’omeostasi in quasi tutti gli aspetti. Nonostante ciò, l’ECS è ancora trascurato e non incluso nei curricula delle scuole di medicina. Per questo motivo sono in ordine alcune note introduttive (Battista et al, 2012). L’ECS è il regolatore di cognizione, umore, nocicezione, metabolismo energetico, ossidazione, processi infiammatori e modificatore della malattia (Tantimonaco et al, 2014).

L’ECS è costituito da recettori, ligandi di questi recettori ed enzimi che sintetizzano e degradano questi ligandi. Il numero di recettori endocannabinoidi noti sta ancora crescendo a più di 55; i due recettori più importanti sono il CB1R, distribuito principalmente in tutto il sistema nervoso e responsabile della psicoattività della cannabis, e il CB2R, distribuito principalmente sulle cellule immunitarie, anche quelle “mascherate” come cellule specializzate all’interno di altri organi. Altri recettori includono TRPVx, GPR55, PPaR ecc .; tutti questi recettori formano dimeri tra loro e anche eterodimeri con altri tipi di recettori, come oppioidi, dopamina, serotonina, adenosina, recettori della catecolamina e molti altri, promuovendo così un’interazione regolatrice universale in tutto il corpo. I ligandi di questi recettori sono gli endocannabinoidi (EC): lipidi della famiglia degli eicosanoidi, derivati ​​dell’acido arachidonico (AA); quest’ultimo abbonda di membrane cellulari; cinque di questi sono ben caratterizzati fino ad oggi, ma due sono ben studiati: Anandamide (AEA) e 2-Arachidonoyl-Glycerole (2AG). Le EC nel sistema nervoso agiscono in circuiti di feedback negativo, più o meno come i neurotrasmettitori, ma, a differenza di loro, sono sintetizzate e degradate su richiesta e non immagazzinate in micro-vescicole. Diverse condizioni patologiche precedentemente non correlate sono ora riconosciute come carenze di ECS, tra cui, tra l’altro, emicrania, autismo, fibromialgia, sindrome dell’intestino irritabile ecc. (Russo, 2016).

Il sistema endocannabinoide è coinvolto nell’immunoregolazione attraverso il recettore CB2 e attraverso percorsi biochimici indipendenti dal recettore. I meccanismi di immunoregolazione da parte delle EC comprendono la modulazione della risposta immunitaria in diversi tipi di cellule, l’effetto sulla rete di citochine e l’induzione dell’immunoapoptosi; in breve, le EC riducono la regolamentazione della risposta immunitaria innata e adattiva nella maggior parte dei casi, ma non in tutti. La manipolazione degli endocannabinoidi in vivo può costituire una nuova modalità di trattamento contro i disturbi infiammatori.

È ovvio che la salute dell’ECS è di grande importanza in molti modi, incluso il confronto con un’infezione virale come COVID19. Un ECS sano dipende da molti fattori, soprattutto dalla corretta alimentazione (McPartland et al, 2014).

Gli acidi grassi ω3 nella dieta sembrano agire come regolatori omeostatici dell’ECS, agendo in direzioni opposte se consumati da individui obesi o non obesi. Piccoli cambiamenti nei livelli di EC sono stati osservati in individui con peso normale, non alimentati con una dieta ω6 elevata.

Anche gli acidi grassi dietetici ω6 sono essenziali, ma dovrebbero essere in equilibrio con ω3s; l’equilibrio suggerito è ω3: ω6 = 1: 1 a 1: 3 per una corretta segnalazione ECS e prevenzione della perossidazione in generale. L’acido arachidonico è un componente essenziale degli acidi grassi ω6.

Probiotici e prebiotici svolgono un ruolo significativo nella salute dell’ECS, ma, per una ragione bizzarra, in genere non vengono menzionati: up-regolano i CB2R che risiedono nelle cellule immunitarie dell’intestino; modulano anche i CB1R, a seconda delle condizioni, ad esempio, down-regolano i CB1R negli individui obesi e li aiutano a ingrassare meno o niente.

Alcuni flavonoidi, come il kaempferol, la genisteina, l’epigallocatechina gallato e la curcumina migliorano l’ECS; lo stesso accade con alcune antocianidine, come la cianidina e la delfinidina, sebbene con un meccanismo diverso.

Gli ftalati, i pesticidi, gli additivi ai pesticidi come il piperonilbutossido agiscono come interferenti dell’ECS, il che significa che il consumo di alimenti biologici può essere una valida misura protettiva, insieme all’assunzione di disintossicanti, in caso di problemi di salute coerenti con carenza di ECS non altrimenti spiegati.

Lo stress cronico danneggia l’ECS diminuendo i livelli di AEA e 2AG, e probabilmente anche attraverso cambiamenti nell’espressione di CB1R. La gestione dello stress può invertire gli effetti dello stress cronico sulla segnalazione ECS. Rapporti aneddotici ed esperienza comune suggeriscono che tecniche come la meditazione, lo yoga, esercizi di respirazione profonda e la pratica del sesso, mostrano lievi effetti cannabimimetici, bilanciando così il sistema.

L’esercizio fisico è anche un regolatore ECS: l’esercizio a lungo termine porta ad aumenti prolungati di ECs e prevedibile down-rule CB1R.

Il consumo cronico di alcol e il consumo eccessivo probabilmente desensibilizzano o riducono la regolamentazione della CB1R e compromettono la segnalazione CE. L’alcol non è compatibile con un ECS sano.

La nicotina è un deregolatore ECS: induce la produzione di EC in alcune aree del cervello, mentre diminuisce in altre. Dovrebbe essere evitato anche.

La caffeina, somministrata in modo acuto, potenzia gli effetti mediati dal CB1R attraverso l’adenosina antagonizzante al recettore A1 (AA1R). Allo stato indisturbato, gli AA1R inibiscono tonicamente l’attività del CB1R; L’antagonismo della caffeina su AA1R libera CB1R dall’inibizione, migliorando così la funzione ECS, ad esempio lasciando che 2AG attivi CB1R. Durante la somministrazione cronica di caffeina, gli effetti sono offuscati dalle differenze individuali nell’adattamento. In generale, i CB1R sono down-regolati.

Cioccolato: il cacao contiene piccole quantità di almeno tre N-acil-etanolamine con attività cannabimimetica, espresse direttamente attivando i recettori dei cannabinoidi, o indirettamente, aumentando i livelli AEA (di Tomaso et al, 1996).

Selected Bibliography

Battista et al, 2012: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3303140/

Tantimonacco et al, 2014: https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/24526057/

(Russo, 2016): https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/28861491/

(McPartland et al, 2014): https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3951193/

(di Tomaso et al, 1996): https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/8751435/

Ringraziamo il dott. Aias-Theodoros Papastavrou

Sostienici!